[vc_row row_type="row" use_row_as_full_screen_section="no" type="full_width" angled_section="no" text_align="left" background_image_as_pattern="without_pattern" css_animation=""][vc_column][vc_column_text]Per 4 persone: 350 gr riso, 300 gr code di gambero o mazzancolla, 4 carciofi, la buccia tritata e il succo di 2 arance e 1 limone, 1 bicchiere di vino bianco, 1 scalogno, 1 carota, 1costa di sedano, 1 cipolla, scalogno, prezzemolo, olio evo, sale e pepe, olio di arachidi per friggere By Chef Andrea e Lucia Pulire i gamberi eliminando testa e intestino, mettere da parte 4 code intere, sgusciare e tagliare grossolanamente le altre Preparare un brodo con acqua, sedano, carota, cipolla, prezzemolo e le teste dei gamberi, facendolo cuocere una mezz’ora Tritare lo scalogno Pulire i carciofi e tagliarne tre a spicchi sottili da saltare le in padella con un po’ di scalogno, salare e pepare, profumare con il timo e far cuocere 10 minuti, aggiungendo un pochino di brodo. Tagliare sottilmente anche il carciofo rimasto e lasciarlo in acqua e limone. In un’altra pentola far soffriggere un po’ di scalogno tritato, unire la polpa di gambero e far insaporire, sfumare con un po’ di vino bianco, quindi unire un po’ di succo degli agrumi e un po’ di buccia grattugiata, aggiustare di sale e pepe e far cuocere cinque minuti. Preparare il risotto: soffriggere lo scalogno rimasto, unire il riso, farlo tostare quindi sfumare con il vino bianco e portare avanti la cottura aggiungendo via via il brodo filtrato. A metà cottura unire i carciofi, i gamberi precedentemente preparati e un po’ del succo degli agrumi. Saltare velocemente le 4 code di gambero intere e friggere le fettine di carciofo tenute da parte. Mantecare il riso con un pochino d’olio e impiattare decorando ogni piatto con una coda di gambero e qualche "cips" di carciofo Buon Appetito![/vc_column_text][/vc_column][/vc_row]...

What we know for sure is that less is more. Buying ingredients instead of “products” is the best way to a truly healthy meal. This means fresh fruits and vegetables—best when local and seasonal, and even better when you grow your own. ...

[vc_row row_type="row" use_row_as_full_screen_section="no" type="full_width" angled_section="no" text_align="left" background_image_as_pattern="without_pattern" css_animation=""][vc_column][vc_column_text]Due quaglie, 10 grammi di tartufo nero dei Sibillini, 1 gambo di sedano, 1 cipolla, 1 carota,  1 spicchio d’aglio, 1 scalogno, un mazzetto di odori  (alloro,salvia,rosmarino,) olio evo, sale e pepe, 300/320 grammi di chitarrine.   Disossate le quaglie per ricavarne la carne avendo cura di lasciare la pelle intera e tenendo da parte le coscette. Tritate il sedano, la cipolla e la carota. Preparate un fondo facendo rosolare le ossa con poco olio e gli odori tritati, salare e pepare e sfumate con un goccio di vino. Coprire con acqua fredda e far sobbollire per un’oretta eliminando le impurità che vengono in superficie. Intanto tritate al coltello la polpa delle quaglie e uno scalogno. In un tegame soffriggete uno spicchio d’aglio in camicia e lo scalogno tritato con olio evo, unite la carne tritata e il mazzetto di odori e fate rosolare. Bagnate con un goccio di vino e, quando è evaporato,  unite il fondo filtrato. Regolate di sale e pepe e fate cuocere a fuoco basso per circa mezz’ora. Nel frattempo coprite il fondo di una teglia con carta da forno,  disponetevi  la pelle e le coscette, salate leggermente e infornate a 180° per circa 15 minuti o fin quando saranno ben croccanti, poi tagliate la pelle a listarelle. Cuocete le chitarrine in abbondante acqua salata, scolatele e fatele saltare in padella con il ragù e il tartufo a scaglie. Impiattate decorando con le coscette croccanti, la pelle a listarelle e qualche scaglia di tartufo Buon Appetito![/vc_column_text][/vc_column][/vc_row]...

[vc_row row_type="row" use_row_as_full_screen_section="no" type="full_width" angled_section="no" text_align="left" background_image_as_pattern="without_pattern" css_animation=""][vc_column][vc_column_text]250 gr di tagliatelle “Pasta di Aldo”, 300 gr di mazzancolle fresche, 2 carciofi tagliati a spicchi, n. 12 pomodorini pachino, 1 bicchiere di vino bianco, 1 ciuffetto di prezzemolo tritato, 1 scalogno, olio evo, sale e zucchero.   Per prima cosa preparate i pomodorini confit: tagliate a metà i pachino, conditeli con un pizzico di sale e di zucchero e metteteli in forno a 90° per circa due ore. Sgusciate le mazzancolle lasciandone 4 intere, sbollentate i carciofi in acqua leggermente salata mantenendoli croccanti. Tritate finemente lo scalogno e fatelo appassire in padella con un po’ d’olio, aggiungete le mazzancolle, bagnate con il vino bianco, fate evaporare ed unite i carciofi. Aggiustate di sale e pepe e unite il prezzemolo tritato. Lessate le tagliatelle al dente, scolatele e fatele saltare in in padella con la salsa. Servite guarnendo con i pomodori confit e le mazzancolle lasciate intere Buon Appetito![/vc_column_text][/vc_column][/vc_row]...